Mercato energia: fine della tutela posticipata a giugno 2018

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta e risparmia 150€ su Luce e Gas, è Gratis!

Esistono tanti modi per risparmiare in bolletta, confronta le migliori offerte del mercato o, se preferisci, parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.

Il processo di liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas in Italia non si completerà il primo gennaio 2018, ma sei mesi dopo. L’ha dichiarato Salvatore Tomaselli, relatore della legge annuale per il mercato e la concorrenza, comunemente definito ddl Concorrenza.


La fine del servizio di maggior tutela è stata ad oggi posticipata al 30 giugno 2020.

Il senatore del PD è intervenuto sul tema durante il dibattito “Liberi di innovare, liberi di scegliere” organizzato a Roma, mercoledì 8 giugno 2016, dai promotori del Manifesto dell’energia del futuro.

La legge sulla concorrenza cosa cambierà?

Contiene misure che porteranno a termine la liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas iniziata 15 anni fa. In sostanza abolirà totalmente il sistema dei prezzi amministrati dal regime di maggior tutela e si entrerà finalmente pienamente nel mercato libero.

Che cos’è il mercato libero?

È un mercato in cui il consumatore domestico è libero di scegliere sia il fornitore sia il prezzo e le condizioni di acquisto dell’energia elettrica e del gas. Prima di luglio 2007, anno in cui il mercato dell’energia in Italia è stato liberalizzato per tutti i clienti, la distribuzione locale di luce e gas era affidata a una società monopolista che applicava i prezzi stabiliti dall’Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico.

La liberalizzazione del mercato persegue due grandi obiettivi:

  • consumatori sempre più informati e consapevoli dei loro consumi, in soldoni più bravi a risparmiare;
  • fornitori in continua concorrenza, che puntano a offrire servizi migliori e a praticare prezzi più bassi, anche se la competizione sul prezzo è limitata da imposte e oneri regolati (distribuzione e sistema energetico) che rappresentano ca. il 60% dell’importo della bolletta.

I vantaggi del mercato libero?

Permette al consumatore di scegliere il fornitore con il servizio che soddisfa di più le proprie esigenze e inoltre dà la possibilità di stipulare il contratto per le utenze luce e gas con lo stesso fornitore. Il superamento definitivo del mercato tutelato coinciderà con un ventaglio di benefici, in termini di nuovi servizi legati all’efficienza energetica, per esempio, e di miglioramento della consapevolezza dei consumatori sui loro consumi di energia.

Quali sono i punti chiave del Manifesto dell’energia del futuro?

...

Risparmio, sostenibilità, innovazione.

"Più risparmio, più sostenibilità, più innovazione. Per tutti, nessuno escluso." È questo lo slogan del Manifesto per l’Energia del Futuro, l’iniziativa voluta dai fornitori Sorgenia, E.ON, Edison, Engie e da cinque associazioni dei consumatori: Adiconsum, Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino.

Con queste linee guida si chiede al Parlamento di innovare le regole, in modo chiaro e prevedibile, per stimolare gli investimenti degli operatori e la consapevolezza dei consumatori. Il desiderio è questo:

Un mercato in cui i clienti scelgano con consapevolezza e facilità, selezionando gli operatori migliori e i servizi più adatti alle loro esigenze. L’energia che arriva nelle loro case continuerà a essere la stessa, ma il modo in cui la consumeranno, la controlleranno e la risparmieranno sarà diverso.

Con l’impegno di tutti, fornitori, associazioni di consumatori e Autorità in primis, dall’estate 2018 saranno queste le caratteristiche del mercato libero.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche