5 verità e leggende sul mercato dell'energia elettrica e del gas metano

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

Cambia fornitore

010.848.01.61

Lo sapevi che dal 1 gennaio del 2018 non esisterà più il Servizio di Maggior Tutela? Tutti i clienti dovranno passare al mercato libero, ma quale fornitore scegliere? Ecco 5 verità e leggende sul mercato dell’energia elettrica e il gas per aiutarti ad orientarti meglio.


Verità e leggende sul mercato energetico

5 verità sul mercato dell'energia elettrica e del gas metano

  1. Dal 2003 per il gas e dal 2007 per l’energia elettrica, i cittadini italiani possono scegliere liberamente a quale fornitore affidare le proprie utenze. Il passaggio è gratuito, anche se in alcuni casi è possibile che venga richiesto il versamento di un bollo di 16 € (di cui frequentemente si fa carico direttamente il nuovo fornitore).
  2. Il mercato libero può essere molto vantaggioso per il cliente finale, perchè con la liberalizzazione del mercato c’è più concorrenza tra i fornitori e, di conseguenza, servizi di miglior qualità. Bisogna, però, fare attenzione a quale offerta scegliere! Visita il nostro comparatore per sapere quale offerta si avvicina maggiormente alle tue esigenze.
  3. Il mercato libero può essere molto conveniente perchè sono direttamente i fornitori a stabilire il prezzo della componente energia, vale a dire la materia prima di luce e gas metano.
  4. Per cambiare fornitore non occorre nessun intervento sulla rete elettrica o sul contatore, poichè il contatore rimane lo stesso. Inoltre ogni cliente è libero di cambiare fornitore di energia elettrica e gas quando vuole: attenzione però a cambiare società di vendita più volte in un anno, perchè verrà richiesto il pagamento di una tassa direttamente al distributore.
  5. Anche se attualmente solo circa il 25% degli Italiani sono passati al mercato libero, al cliente finale conviene informarsi sulle offerte del mercato libero, perchè entro il 1 gennaio del 2018 non esisterà più il servizio tutelato. Differenza importante col mercato tutelato è che nel mercato libero esiste la possibilità di aderire ad offerte con il prezzo della materia prima bloccato per uno o più anni, mentre il prezzo imposto dall’Autorità varia trimestralmente.

Confronta in autonomia e gratuitamente le offerte di luce e gas!

...

Che fornitore scegliere?

Il settore energetico in generale e il mercato libero in particolare sono mondi ancora sconosciuti da molti italiani, che nel dubbio preferiscono non cambiare niente e rimanere nel servizio di maggior tutela. Ad incitare alla cautela ci sono alcuni falsi miti che devono essere sfatati. Ecco 5 leggende (false) che aleggiano intorno al mercato dell’energia elettrica e gas!

5 leggende sul mercato dell'energia elettrica e del gas 

...
  1. Si è obbligati a passare dal mercato tutelato a quello libero? No. La scelta di passare al mercato libero è a totale discrezione del cliente finale. Inoltre, dal mercato libero si può uscire senza problema: si tratta di un semplice cambio fornitore, quindi si deve recedere dal contratto con cui si ha la fornitura, rispettando le modalità e i termini stabiliti nello stesso.
  2. Quando si cambia fornitore, si pagano due volte le bollette? Assolutamente no. Al cambio di fornitore, si registra la lettura del contatore, che serve alla vecchia società di vendita per quantificare l’ammontare dell’ultima bolletta e al nuovo fornitore come punto di partenza per calcolare i consumi.
  3. Durante un cambio di fornitura, c’è il rischio di rimanere senza luce e gas? Non c’è nessuna interruzione dell’erogazione energetica, perchè non vengono realizzati lavori all’impianto
  4. Nel mercato libero non si può ricevere il bonus sociale per luce e gas. Non è assolutamente vero, perchè questo aiuto economico per le famiglie numerose ed economicamente svantaggiate è applicato indipendentemente dal mercato di provenienza e dal fornitore scelto.
  5. Il canone Rai viene addebitato sulla bolletta solo se si ha un contratto di fornitura nel servizio tutelato? Sbagliato! Il canone viene addebitato in fattura a prescindere dal mercato di appartenenza.

Passa al mercato libero! Chiama lo 010.848.01.61 (lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18) o fatti richiamare gratuitamente.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche