Conciliazione paritetica: cos'è, quando e come attivarla

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

call center arera

Questo articolo è frutto della collaborazione tra Luce-Gas.it e CittadinanzAttiva. Questa collaborazione si concretizzerà con una serie di articoli dedicati all'informazione del consumatore sui suoi diritti ed il funzionamento del mercato dell'energia.

Nel rapporto con i propri operatori (fornitori e distributori) di energia elettrica e gas si spera vada sempre tutto per il meglio. Ma se così non fosse? Nel peggiore dei casi si è costretti ad iniziare lunghe e costose trafile legali con il difficile obiettivo di giungere ad una soluzione di comune accordo tra le parti. A meno che...

...non viene in aiuto la conciliazione!

...

La conciliazione paritetica per la risoluzione delle controversie

La conciliazione è uno strumento alternativo alle vie giudiziarie per la risoluzione delle controversie tra cliente ed operatori energetici. La procedura è gratuita per il consumatore. Non bisogna quindi affrontare alcun costo! 

Ne esistono diverse procedure a seconda del soggetto mediatore e delle modalità di svolgimento:

  1. Servizio conciliazione clienti energia: voluto dall'Autorità, coinvolge il cliente o un suo delegato, l'operatore ed un conciliatore terzo e imparziale, per il raggiungimento dell'accordo. La procedura è volontaria, ovvero l'operatore chiamato in conciliazione non ha l'obbligo di risposta;
  2. Procedura di mediazione: prende luogo presso la camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura e gli altri organismi privati ed è disciplinato da un suo regolamento;
  3. Ed infine la conciliazione paritetica.

Vediamo insieme nel dettaglio cosa si intende per conciliazione paritetica!

Essa si basa su protocolli sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e la singola azienda (o associazione di categoria) che stabiliscono le regole cui le parti devono attenersi per risolvere le singole controversie.

La Commissione di Conciliazione è composta da due conciliatori adeguatamente formati, uno in rappresentanza dell’azienda e l’altro, indicato dalle associazioni dei consumatori, dell’utente.

La procedura di conciliazione è su base volontaria: l’accordo raggiunto dalle parti viene sottoposto al consumatore il quale è libero di accettare la soluzione proposta o di rivolgersi alla giustizia ordinaria.

Come attivare la procedura di conciliazione?

  1. Il reclamo: al verificarsi di un possibile disservizio il consumatore deve inoltrare reclamo nelle forme e nei modi indicati generalmente nelle carte dei servizi e nei materiali di comunicazione predisposti dal proprio fornitore di energia elettrica e/o gas.
  2. L’esito del reclamo: in caso di risposta ritenuta insoddisfacente, oppure in mancanza di una risposta entro un determinato periodo fissato dalla carta dei servizi o dall'Autorità di settore (generalmente 40 giorni solari dalla presentazione del reclamo), il consumatore può presentare domanda di conciliazione
  3. Presentazione della domanda: la procedura si attiva presentando la domanda di conciliazione all'ufficio di conciliazione dell'impresa, nelle modalità previste dal protocollo sottoscritto dal proprio venditore di energia. Il consumatore può scegliere da quale Associazione farsi rappresentare tra quelle firmatarie dei protocolli d'intesa sulla conciliazione paritetica con il proprio fornitore di energia. Se il consumatore presenta la domanda all'ufficio di conciliazione senza aver conferito il mandato ad un'Associazione in particolare, il conciliatore che lo rappresenterà viene scelto fra le Associazioni firmatarie del Protocollo d'intesa, secondo un metodo turnario.

Quali sono i moduli da presentare per la conciliazione paritetica?

I moduli per la presentazione le domande di conciliazione sono di semplice compilazione e facilmente accessibili. Sono allegati al Regolamento di conciliazione e il consumatore è correttamente informato riguardo tutti i termini e le modalità del procedimento. Tutti i documenti sono reperibili sul sito web delle aziende e delle associazioni che hanno sottoscritto i protocolli.

Oggetto della domanda di conciliazione

Dipende dal protocollo di conciliazione firmato dal proprio fornitore. Alcuni protocolli, infatti, prevedono una casistica di materie per le quali è possibile tentare la conciliazione; altri, invece, coprono tutte le problematiche connesse al rapporto di fornitura. È quindi importante leggere attentamente il protocollo sottoscritto dal proprio esercente per comprendere se la conciliazione paritetica sia o meno applicabile al proprio caso.

Quando il procedimento può dirsi concluso?

Il Regolamento di conciliazione stabilisce le modalità e i termini di presentazione delle domande, di invio del verbale e la durata complessiva del procedimento.

Al termine della discussione la commissione redige un verbale con un’ipotesi di accordo che viene sottoposta al consumatore. Se questi accetta, il verbale vale come accordo transattivo tra le parti ai sensi del codice civile. In caso di mancato accoglimento della proposta o di mancato raggiungimento di una proposta risolutiva, la commissione redige un verbale di mancato accordo, che lascia libere le parti di proseguire la controversia in altre sedi.

Elenco fornitori per la conciliazione paritetica

Attualmente, nel campo dell’energia, le principali aziende che hanno sottoscritto un protocollo di conciliazione paritetica con le associazioni dei consumatori sono:

  • A2A S.p.A.
  • ACEA ENERGIA S.p.A.
  • EDISON S.p.A.
  • ENEL S.p.A.
  • ENI S.p.A.
  • E.ON ENERGIA S.p.A
  • GRUPPO ACEGAS - APS
  • GRUPPO HERA
  • IREN MERCATO S.p.A.
  • SORGENIA S.p.A.

Il presente elenco non è esaustivo. Pertanto, è sempre opportuno verificare se il proprio esercente abbia sottoscritto un protocollo di conciliazione paritetica, contattando direttamente l’esercente o un’Associazione dei clienti finali domestici o un’Associazione dei clienti finali non domestici.

Cittadinanzattiva

Da sempre impegnata nella tutela dei diritti del consumatore, CittadinanzAttiva promuove la sottoscrizione dei protocolli di conciliazione con i fornitori di energia per aiutarti nella risoluzione delle controversie. Per maggiori info www.cittadinanzattiva.it

concliazione paritetica
aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche