Come leggere bene il contatore del gas della vostra azienda

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

Scoprilo subito e inizia a ottimizzare consumi e spese per il metano. Per le piccole e medie imprese risulta fondamentale riuscire a ottimizzare le spese. Per quanto riguarda i consumi di gas esistono alcuni accorgimenti che possono fare la differenza.


Come leggere il contatore del gas

Fai la lettura del gas per risparmiare

Il primo passo da fare è quello di leggere il contatore e poi comunicare i dati al proprio fornitore. Si tratta di un’operazione importante perché permette di pagare solo per i consumi effettivi. Si potrà così evitare di trovare tra le spese i costi stimati, e cioè quelli che l’operatore attribuisce al cliente basandosi sullo storico dei consumi.

Effettuare l’autolettura è molto semplice, basta leggere il display del contatore, nel quale compariranno alcune cifre in colore nero e altre in colore rosso. Le cifre nere, le quali compongono la prima parte del numero, andranno poi comunicate al fornitore.

Insieme a questo numero è necessario inviare anche il PDR: un codice numerico che identifica l’utenza del gas e che è formato da 14 cifre. Si trova nella bolletta, solitamente sotto i dati tecnici della fornitura. Anche comunicare questi dati è semplice e veloce. Di solito ogni fornitore dà la possibilità di farlo, chiamando un numero verde, inserendo i consumi in un area dedicata del sito oppure, per i più tecnologici, anche attraverso una specifica app.

Ma questo non è che il primo passo per ottimizzare le spese per i consumi del gas. Un altro passaggio molto importante per ogni azienda è quello di stabilire il proprio profilo di consumo energetico. Infatti non tutte le imprese sono uguali. E’ necessario quindi che ogni azienda prima di scegliere la tariffa più adatta sappia indicativamente di quanti metri cubi di gas ha bisogno ogni mese e in che modo sono distribuiti i consumi durante l’anno e durante il giorno.

Il passo successivo per ottimizzare le spese energetiche è quello di scegliere la tariffa più adatta al profilo di consumo che corrisponde alla nostra azienda. Il mercato libero dà la possibilità di scegliere tra una grande quantità di offerte.

Tra le offerte gas per aziende Enegan Luce e Gas, uno dei fornitori nel mercato libero propone offerte sia a prezzo fisso che a prezzo indicizzato, garantendo sempre una fornitura sicura, affidabile e di qualità. Vediamo più nel dettaglio le due tariffe proposte:

  • Fix offerta sicura: la tariffa a prezzo bloccato per 12 mesi che mette al riparo da eventuali variazioni dei corrispettivi stabiliti dall’Autorità per l’energia.
  • Sconto cmem offerta garantita: la tariffa che segue l’andamento del mercato, a cui viene applicato uno sconto del 5% sul prezzo della materia prima.

A questo punto non vi resta che fare le proprie valutazioni e scegliere la soluzione che più conviene per la Vostra azienda!

 

Articolo a cura di Enegan

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche