Morosità della bolletta dell'acqua: quando avviene la sospensione e come fare la riattivazione

Sorgenia Amazon offertaSorgenia Amazon

Buono Amazon 100€ se attivi oggi luce e gas con Sorgenia!

Prezzo super competitivo fisso per 1 anno: luce a 0,031 €/kWh notte e giorno e gas a 0,17 €/Smc, nessun vincolo contrattuale e sconto di 60€ se porti un amico in Sorgenia.

Morosità Acqua e sospensione bolletta
Cosa succede se pago in ritardo una bolletta dell'acqua? Scopri quant'è l'interesse di mora, quando può essere staccata l'utenza dell'acqua e come fare la riattivazione in seguito a morosità e se il condominio può sospendere il servizio

Ecco tutte le informazioni utili su cosa succede se non si paga la bolletta dell'acqua. Mi possono staccare l'acqua, è legale? Come si fa per ripristinare la fornitura dell'acqua? E quant'è l'interesse di mora se la bolletta viene pagata in ritardo?


morosità bolletta acqua

Mi possono staccare l'acqua?

Tutte le società che gestiscono il servizio dell'acqua hanno un proprio "regolamento del servizio idrico integrato". Questo disciplina le modalità di erogazione del servizio idrico e dei rapporti tra il gestore e gli utenti, e quindi anche le situazioni relative alla morosità.

Il pagamento delle bollette dell'acqua deve essere effettuato nei tempi e nei modi indicati nelle fatture. Se c'è un errore o se per qualsiasi motivo il cliente vuole fare un reclamo, deve comunicarlo entro il termine di scadenza del pagamento scritto in bolletta.

Se il pagamento non viene effettuato e la morosità persiste oltre un certo termine, il gestore può staccare l'utenza dell'acqua.

Vediamo quali sono le tempistiche per la sospensione, cosa fare in caso di ritardo nel pagamento e quanto si deve pagare per riattivare l'utenza dell'acqua, anche nel caso di un nuovo inquilino.

Cosa succede se pago la bolletta dell'acqua in ritardo?

Se il pagamento della bolletta dell'acqua avviene in ritardo il gestore applica un interesse di mora, pari all'interesse legale sull'importo da pagare. La misura dell'importo viene indicata nella "Carta dei servizi" e addebitata nella bolletta utile successiva. La Carta del servizio idrico è uno strumento di tutela dei cittadini nel quale si dichiarano gli standard di qualità del servizio dell'acqua e le sue caratteristiche.
Il gestore può applicare al cliente un interesse di mora:

  • dopo 5 giorni dalla scadenza
    viene applicato l'interesse legale
  • dopo 30 giorni effettivi dalla scadenza
    viene applicato l'interesse di mora maggiorato del 5%

Alcune società non applicano interessi di mora per i primi 10 giorni di ritardo, se il cliente ha pagato le bollette regolarmente negli ultimi anni.
Una volta effettuato il pagamento, il cliente deve comunicarlo il prima possibile al gestore, in modo tale da evitare la sospensione della fornitura. Nella bolletta è sempre indicata la modalità per comunicare il pagamento avvenuto.

Quando avviene la sospensione dell'acqua in caso di morosità?

Prima di procedere con la sospensione della fornitura il gestore invia il preavviso al cliente. Ecco cosa succede passo passo quando salta il pagamento di una bolletta dell'acqua:

  1. Trascorsi 30 giorni dalla data di scadenza l'utente viene messo in mora
    Il cliente riceve una raccomandata con gli estremi della bolletta da pagare con il preavviso di chiusura e i modi per evitare la sospensione.
  2. Dopo ulteriori 30 giorni dal preavviso è prevista la sospensione del servizio
    In caso di mancato pagamento trascorsi altri 30 giorni il gestore ha il diritto di chiudere l'acqua.
  3. Se la sospensione perdura per altri 30 giorni il gestore può chiudere il contratto
    In questo caso il gestore recede il contratto e avvia le pratiche legali per il recupero del credito.

Nel preavviso di mora è sempre indicata la scadenza oltre la quale, se il pagamento non avviene, l'acqua viene interrotta dal gestore.
Il contatore dell'acqua viene di regola posizionato all'esterno dell'abitazione per poter permettere l'accesso al personale del gestore sia per la lettura sia per operazioni come la chiusura.

Per la chiusura il gestore appone dei sigilli al contatore dell’acqua, che non possono essere in alcun modo manipolati. La manomissione del contatore comporta il pagamento delle spese per richiuderlo, del costo dell'acqua nel frattempo consumata e degli eventuali ulteriori danni. Il gestore potrebbe inoltre anche denunciare l'accaduto, se si riscontri il fatto doloso.

Come fare la riattivazione dell'acqua dopo la morosità?

La riattivazione del servizio dell'acqua avviene una volta eseguito il pagamento, entro i termini previsti dalla carta del servizio. Comunica l'avvenuto pagamento delle spese via fax, mail o recandoti presso uno sportello dell'ente.

Di solito il tempo massimo di riattivazione a seguito di morosità è di 2 giorni feriali.

Il cliente moroso non può comunque pretendere il risarcimento di eventuali danni dovuti alla sospensione del servizio.
Se il gestore ha risolto il contratto, lo stesso cliente deve provvedere al pagamento sia della bolletta sia delle altre somme dovute e deve stipulare un nuovo contratto di fornitura, con il relativo costo di riattivazione.

Sai che esiste un bonus per l'acqua? Il Bonus acqua è un’agevolazione fiscale, voluta dal Ministro dell’Ambiente e gestita dai comuni, che prevede agevolazioni sulle bollette idriche per le famiglie con disagio economico.

Quant'è il costo per la riattivazione dell'utenza sospesa per morosità?

Il cliente dovrà pagare sia la bolletta non saldata sia le spese legate alla procedura, come il costo della chiusura, le spese postali del sollecito di pagamento ecc.

  • la bolletta non pagata
  • gli eventuali interessi legali e di mora
  • il corrispettivo per la chiusura e la riapertura
    solo se l'utenza è stata sospesa
  • eventuali spese per il nuovo contratto
    se il contratto è stato chiuso dal gestore (vedi paragrafo successivo)

In caso di morosità il deposito cauzionale non viene restituito al cliente, fino a coprire il totale della morosità.

Come fare la riattivazione dell'utenza dell'acqua se sono il nuovo inquilino?

Quando un'utenza viene cessata per morosità, il cliente deve provvedere alla sua riattivazione. Se la morosità è stata addebitata al vecchio inquilino, il nuovo intestatario non è tenuto a pagarla. Quest'ultimo dovrà stipulare un nuovo contratto di fornitura a suo nome e pagare le spese per la riattivazione. A volte il gestore richiede al nuovo inquilino una dichiarazione di estraneità al precedente debito.

In caso di stipula di un nuovo contratto, l'intestatario, sia nel caso in cui sia il responsabile della morosità o meno, deve sostenere i seguenti costi:

  • deposito cauzionale
  • corrispettivo per la riapertura dell'utenza
  • eventuali bolli

Il condominio può staccare l'utenza dell'acqua morosa?

Nei palazzi spesso il contratto tra il gestore e l'utente finale avviene per mezzo dell'amministratore di condominio. In questo caso c'è un contatore generale che misura il consumo totale dell'acqua e tanti contatori per ogni appartamento per il consumo individuale.
Se un condomino non paga la bolletta dell'acqua tramite il condominio, si può procedere alla sospensione delle utenze se c'è una morosità per più di sei mesi.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche