Tu sei qui

Contatore della luce nuovo: tutto sui costi e tempistiche della prima attivazione

Info attivazioni

010.848.01.61

attivazione nuovo contatore energia elettrica

Come attivare il contatore luce?

Il contatore è installato ma ancora non è mai stato attivato? Per prima attivazione del contatore dell'energia elettrica riguarda un contatore che non è mai stato attivato prima d'ora.

Se ti stai trasferendo in una casa di nuova costruzione o che non è mai stata abitata in precedenza, dovrai provvedere alla prima attivazione della fornitura di luce. Scopri la procedura e tutti i dati ed i documenti necessari per avviare la richiesta.
Se invece il contatore dell'energia elettrica è stato già attivato in passato ed attualmente è chiuso, dovrai richiederne la riattivazione, ossia un subentro.


La richiesta per la prima attivazione di un nuovo contatore

Quando il contatore non è presente nell'abitazione il cliente deve richiedere un allacciamento della luce. Generalmente nella procedura dell'allaccio è compresa anche la richiesta della successiva attivazione del contatore. Se invece il contatore è già stato installato, ad esempio dal costruttore dell'immobile, l'utente deve procedere con la richiesta dell'attivazione del preposato, sottoscrivendo un nuovo contratto.

La richiesta per l'attivazione del nuovo contatore preposato può essere inviata ad un qualsiasi fornitore che opera nella tua zona. Se vuoi attivare la fornitura nel mercato tutelato, devi contattare il fornitore che gestisce il servizio di maggior tutela, collegato al distributore locale. In alternativa puoi scegliere una tariffa conveniente di un fornitore del mercato libero.

Visita il comparatore per confrontare la varie tariffe nel mercato libero.

Le modalità per l'inoltro del contratto dipendono dal fornitore: puoi chiamare il numero verde del servizio clienti o recarti personalmente in un punto vendita. A volte hai la possibilità di scaricare il modulo del contratto online e rispedirlo, compilato e firmato, tramire posta, fax oppure email insieme ai documenti richiesti.

La procedura per la prima attivazione del gas è diversa da quella della luce. L'Autorità ha stabilito con la delibera n. 40 del 2014 una specifica procedura per motivi di sicurezza. Visita l'articolo sulla prima attivazione del contatore del gas per sapere come fare.

Ti stai trasferendo in una nuova casa?
...
Confronta gratis 5 preventivi di ditte di trasloco.
Non affidarti al primo che capita. Clicca qui!
...

Cerchi un imbianchino per la nuova casa?
Ricevi un preventivo gratuitoClicca qui!

Quali sono i dati necessari per la prima attivazione?

Per la compilazione del contratto per la nuova fornitura dell'energia elettrica ti serviranno alcuni dati. Se non hai a disposizione il codice POD, indispensabile per risalire al contatore, puoi visualizzare il display del contatore. Premendo il pulsante accanto al display compare il codice POD per esteso, che inizia con IT, oppure il numero utente. Con il contatore dell'Enel puoi ricavare il codice POD anteponendo al numero utente il codice IT001E.

  • I dati necessari per la prima attivazione dell'energia elettrica sono:
  • I dati anagrafici dell'intestatario del contratto (nome, cognome e codice fiscale)
  • Indirizzo dell'utenza
  • Il codice POD
  • Uso della fornitura (domestico residente,non residente, altri usi..)
  • Potenza impegnata, 3 kW per un'utenza domestica standard
  • Il codice IBAN per l'eventuale domiciliazione bancaria

Per legge il fornitore deve anche richiedere al cliente i dati catastali dell'immobile. Puoi trovarli sull'atto del rogito di acquisto, sulla dichiarazione di successione oppure su altri documenti come la concessione edilizia, il permesso a costruire o la dichiarazione di inizio attività (DIA).

Fai la prima attivazione del contatore con l'offerta più conveniente per te, vai sul comparatore luce e gas o chiama lo 010.848.01.61

Quali sono i documenti necessari per la richiesta di prima attivazione?

Nei documenti è necessario dichiarare il regolare possesso dell'immobile e la regolarità edilizia.

Questo è valido sia per un immobile di nuova costruzione sia per un contatore preposato in una vecchia casa, ad esempio a seguito di una divisione di un appartamento. In alcuni casi la dichiarazione del regolare possesso è inserita all'interno del contratto stesso, mentre altre volte c'è un modulo a parte da compilare, firmare ed allegare al contratto.

I documenti necessari sono:

  • Fotocopia del documento d'identità dell'intestatario
  • Dichiarazione di regolare possesso dell'abitazione
  • Dichiarazione sostitutiva di notorietà per la regolarità edilizia dell’immobile

Per certificare che il cliente abbia titolo, è sufficiente indicare la proprietà oppure la locazione, comodato d'uso o usufrutto (riportando ad esempio gli estremi della registrazione del contratto d'affitto). A volte il fornitore richiede un'autorizzazione quando l'avente titolo ha concesso in uso l'abitazione all'intestatario del contratto. Un tipico esempio è la moglie che sarà l'intestataria del contratto ed il marito unico proprietario dell'immobile.
Per la regolarità urbanistica il cliente dovrà indicare gli estremi (numero, data, comune di rilascio) del permesso di costruire, della concessione edilizia o in sanatoria, oppure della denuncia di inizio attività (DIA). Se l'immobile è stato costruito prima del 30 gennaio del 1977 non possiede tali certificazioni.

Quali sono i costi della prima attivazione dell'energia elettrica?

I costi della prima attivazione del nuovo contatore sono analoghi ad una normale attivazione o subentro. Il contributo di solito viene addebitato nella prima bolletta, che arriverà 1 o 2 mesi dopo. 

  • I costi nel mercato tutelato sono:
  • 27,03 € per oneri amministrativi
  • 23 € contributo fisso
  • 16 € imposta di bollo
  • Eventuale deposito cauzionale (non previsto con la domiciliazione bancaria)
  • I costi nel mercato libero sono:
  • 27,03 € per oneri amministrativi
  • Un contributo per oneri di gestione, dipende dal fornitore (varia tra 20 € fino a 60 €)

Quando e come viene attivato il nuovo contatore?

La prima attivazione è analoga ad una normale attivazione dopo una cessazione per disdetta del contratto. Il fornitore ha due giorni di tempo per trasmettere la richiesta al distributore locale, che è il responsabile dell'attivazione. Quest'ultimo a sua volta ha 5 giorni lavorativi per procedere all'attivazione del contatore. Con i moderni apparecchi elettronici, l'attivazione avviene tramite un comando a distanza che parte dalla centralina e non c'è bisogno del passaggio del tecnico.

Attivazione nuovi contatori

010.848.01.61

Commenti