Tu sei qui

Quanto costa un kWh di energia elettrica?

Pensi di pagare troppo?

010.848.01.61

Il kilowattora (kWh) è l'unità di misura dell'energia elettrica. Tale misura viene utilizzata per calcolare e fatturare i consumi di energia elettrica dell'utente finale, rilevati dal contatore della luce.

Un kilowattora rappresenta l'energia assorbita in 1 ora da un apparecchio che ha la potenza di 1 kW.

Il prezzo dell'elettricità in euro al kWh in Europa nel 2015

 

Fonte : dati Eurostat, prezzo medio imposte incluse, per i clienti residenziali nel 2015. I dati si riferiscono ai prezzi per consumi annuali compresi tra 2500 e 5000 kWh.

Francia e Germania sono i due mercati elettrici più grandi d'Europa, che funzionano con regole simili al mercato italiano. Tuttavia ciascun mercato ha delle caratteristiche proprie, dettate principalmente dal mix di produzione dell'energia elettrica. In Francia ad esempio la maggior parte della produzione deriva dal nucleare, mentre in Germania sono presenti molti impianti a carbone e lignite e le fonti rinnovabili hanno avuto una grande spinta negli ultimi anni.

In Italia il mix è storicamente basato sugli impianti alimentati a gas naturale ed anche nel nostro paese, la produzione da rinnovabili è cresciuta molto ultimamente. Inoltre l'Italia, a differenza degli altri paesi, risulta essere un importatore netto di energia elettrica dai paesi confinanti.

Queste motivazioni, in aggiunta anche alla diversa tassazione, concorrono alle differenze di prezzo al kWh dell'energia elettrica nei vari paesi europei.

Per la fascia di consumi 2.500 - 5.000 kWh, il prezzo dell'energia elettrica in Italia è tra i più alti d'Europa. Le cose cambiano se parliamo di consumi inferiori ai 2.500 kWh! Continua a leggere l'articolo se vuoi saperne di più...

Nella tabella seguente troverai un confronto tra i prezzi italiani ed i prezzi dell'Area Euro. Si può notare come, per le prime due classi di consumo, i prezzi dell’energia elettrica per i consumatori domestici italiani siano inferiori ai prezzi mediamente praticati nell’Area euro (cioè nell’insieme dei Paesi che adottano la moneta unica), sia al netto, sia al lordo delle imposte e degli oneri. Mentre risultano prezzi superiori per le restanti classi di consumo.

Fascia di consumo < 1.000 kWh 1.000-2.500 kWh 2.500-5.000 kWh 5.000-15.000 kWh
Prezzo Italiano VS Prezzo Area Euro -17% -12% +9% +38%

Per i residenti la tariffa è agevolata Per approfittare del basso costo del kWh, un utente italiano deve essere residente ed avere un contatore di potenza non superiore a 3 kW, in modo da poter usufruire della tariffa D2.

In realtà è già in atto una riforma che modifica la tariffa progressiva attuale e che dovrebbe limitare quella differenza di costo che c'è adesso tra un utente con tariffa D2 e consumi più modesti rispetto ad un cliente con la tariffa D3 (di solito con consumi più elevati).
Per ulteriori informazioni, visita l'articolo dedicato sulla riforma della bolletta elettrica.

Il prezzo del kWh in Italia: mercato libero o maggior tutela?

In Italia il prezzo dell'energia elettrica dipende principalmente dal mercato, ossia se si ha un contratto di fornitura con un fornitore che opera sul mercato tutelato o con uno che opera sul mercato libero. I fornitori che operano nel mercato regolamentato commercializzano offerte nelle quali il prezzo del kWh è rigorosamente stabilito dall'Autorità trimestralmente.
Al contrario i fornitori che operano sul mercato libero invece possono stabilire il prezzo dei kWh autonomamente.

La possibilità di rivolgersi al mercato libero per l'acquisto di energia elettrica risale al luglio 2007, momento in cui in Italia il mercato dell'energia elettrica è stato completamente liberalizzato.
Da allora molti nuovi operatori sono entrati nel mercato dell'energia e ad oggi il mercato libero è caratterizzato da una grande varietà di fornitori che concorrono per offrire ai consumatori il miglior prezzo dell'energia ed il miglior servizio.

Il prezzo al kWh che stai pagando è elevato?Inviaci la tua bolletta ed un esperto ti indicherà se c'è un'offerta luce più economica.

check-up bolletta

L'obiettivo della liberalizzazione, ancora in una fase di transizione, prevede la chiusura del mercato tutelato, che dovrebbe avvenire nel 2018. Ti consigliamo quindi di non arrivare impreparato all'appuntamento e di capire da subito come funziona il mercato libero: trova l'offerta più conveniente con il nostro comparatore.
Nella tabella trovi il prezzo netto dell'energia di alcune offerte del merccato libero.

Prezzo netto dell'energia al kWh nel 2016
Offerta Componente energia (€/kWh) Caratteristiche Per saperne di più

Energia prezzo fisso
  Offerta web con prezzo bloccato per 1 anno, prevede sconti con l'uso dei servizi online 010.848.0198
o fatti richiamare gratuitamente

Tutela Home
  Offerta con prezzo indicizzato in base al mercato tutelato 010.848.0161
o fatti richiamare gratuitamente

EasyWeb
  Offerta web che blocca il prezzo monorario per 3 anni, prezzo comprensivo di perdite di rete, dispacciamento e la commercializzazione e vendita, a cui si aggiunge un contributo mensile fisso, energia da fonti rinnovabili

011.1962.1333
o fatti richiamare gratuitamente

011.1962.1333
o fatti richiamare gratuitamente

Attiva direttamente online


Sottocontrollo
  Offerta con prezzo massimo bloccato per 3 anni, che può scendere in base al mercato (tariffa monoraria)

011.1962.1333
o fatti richiamare gratuitamente

Attiva direttamente online

011.1962.1333
o fatti richiamare gratuitamente


Energia Pura Casa
  Offerta verde con prezzo monorario bloccato per 1 anno Contatta Enel Energia

Prezzo della sola componente energia, al netto dei costi di distribuzione, oneri generali e delle imposte. Dati aggiornati a  

Il prezzo di un kWh sul mercato di maggior tutela

Ogni trimestre l'Autorità aggiorna i prezzi di vendita dell'energia sul mercato regolamentato. Tutti i fornitori operanti in tale mercato devono offrire energia elettrica ai prezzi stabiliti dall'Autorità. Il fornitore del mercato tutelato della luce è collegato al distributore locale, quindi c'è un solo fornitore in una determinata zona geografica (Acea a Roma, A2A a Milano, Enel Servizio Elettrico in molte altre città ecc.).
Per quanto riguarda il gas invece, il cliente può chiedere l'applicazione delle condizioni economiche del mercato tutelato a qualsiasi fornitore. 

Come si può notare dal grafico seguente i servizi di vendita (circa il 50% delle bolletta luce ), che comprendono il prezzo dell'energia, seguono l'evoluzione del PUN degli ultimi anni. Questo sta ad indicare come questi due valori siano strettamente collegati.
Da gennaio 2016 è stata introdotta la nuova bolletta 2.0, nella quale i servizi di vendita sono stati rinominati con la dicitura "spesa per la materia energia".  

 

Fonte : elaborazione su dati del GME e su dati dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas. Per il calcolo dei servizi di vendita è stato ipotizzato un cliente domestico tipo.

Posso scegliere la tariffa monoraria o bioraria nel servizio di tutela?

Il consumatore nel mercato regolamentato può scegliere tra la tariffa monoraria e bioraria (questa viene applicata di default se il contatore lo consente). L'offerta bioraria è stata introdotta per avere la possibilità di effettuare economie sulla bolletta dell'energia elettrica concentrando i consumi nelle fasce meno costose, ovvero nella fascia F23 (comprende le ore dalle 19 alle 8 di mattina nei giorni feriali, i weekend e festivi).
Tuttavia la tariffa bioraria del mercato tutelato non comporta dei risparmi consistenti, leggi qui i motivi, per cui per ottenere un risparmio in questo modo è necessario scegliere una tariffa bioraria del mercato libero.

Il prezzo di un kWh sul mercato libero

I prezzi sul mercato libero non sono definiti dall'Autorità e sono quindi soggetti a variazioni a seconda della tipologia di offerta. Ogni fornitore propone prezzi anche molto diversi tra loro (bloccati o variabili) e nelle offerte sono compresi a volte altri servizi e vantaggi accessori. Risulta piuttosto difficile quindi dire con precisione quanto sia il prezzo di un kWh di energia elettrica sul mercato libero.

Il cliente deve valutare attentamente le tariffe ed i servizi offerti, per poter approfittare sia di vantaggi  economici sia di gestione della propria fornitura.

Vuoi sapere qual è la tariffa luce e gas migliore? Chiama lo 010.848.01.61 o prendi un appuntamento e ti ricontattiamo noi nell'orario che preferisci.

Clicca e confronta le offerte luce e gas!

In generale è bene sapere che vi sono numerose opportunità di risparmio sul mercato libero, anche se il consumatore deve stare attento a sottoscrivere un'offerta che permetta un effettivo risparmio sulla spesa annuale della luce. Per trovare le migliori offerte di luce puoi navigare il nostro sito e informarti per decidere quale sia l'offerta che fa per te.

Da cosa dipende il prezzo del kWh di energia elettrica?

Il prezzo dell'energia elettrica dipende da molti fattori. In primo luogo il mercato dell'energia si basa sul PUN, il prezzo unico nazionale, preso come prezzo di riferimento della borsa elettrica. Numerosi elementi concorrono alla formazione di questo valore: dalle quotazioni di gas e petrolio, alla domanda di energia elettrica, alla produzione di elettricità da fonti rinnovabili ecc.

Ovviamente tali fattori sono molto al di sopra del raggio di azione dei comuni consumatori. Tuttavia, come abbiamo già detto, il prezzo del kWh applicato al cliente finale varia in base anche all'offerta sottoscritta.

Il prezzo al kWh può essere fisso o variabile, ossia può essere bloccato per un certo periodo oppure seguire le oscillazioni del mercato dell'energia. Nel primo caso, ad esempio se il prezzo è bloccato per 3 anni, il consumatore è al riparo da eventuali aumenti improvvisi del mercato per tutto questo lasso di tempo.

Per una completa soddisfazione è importante valutare, oltre al prezzo del kWh dell'offerta, anche altri servizi, come le modalità di gestione della fornitura, il servizio clienti, le modalità di pagamento e di contatto con il fornitore (operazioni attraverso app dedicate o tramite mail)...

Commenti