Tu sei qui

Che cos'è la prova di tenuta dell'impianto del gas?

Devi attivare il contatore del gas?Chiama lo 010.848.01.61   e scopri qual è la tariffa più conveniente.

La prova di tenuta è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un nuovo impianto di gas o su un impianto modificato.
prova tenuta gas

La prova di tenuta

Tale prova è richiesta per gli impianti domestici nei quali gli apparecchi installati hanno tutti una singola portata termica inferiore a 35 kW (UNI 7129/08).

La prova di tenuta dell'impianto deve essere eseguita prima di metterlo in servizio per assicurarsi che non ci siano perdite di gas nel circuito. La normativa specifica i parametri e come deve essere effettuata la prova. Se ci sono tubazioni non a vista, la prova va effettuata prima della loro copertura.

Per maggiori informazioni sulla prima attivazione del gas, visita l'articolo dedicato.

  • In quali casi è necessaria la prova di tenuta?
  • prima attivazione della fornitura
  • riattivazione a seguito di sospensione su disposizione delle Autorità competenti o per situazione di pericolo
  • riattivazione della fornitura sospesa su richiesta del cliente finale
  • riattivazione della fornitura sospesa per esigenze del Distributore che comporti la modifica dell’impianto
  • riattivazione della fornitura sospesa in seguito a sospensione per morosità

Come viene effettuata la prova di tenuta?

Ogni impianto gas domestico deve avere per legge una presa di pressione, posta dopo il rubinetto generale e dopo il contatore. Questa presa serve a misurare la pressione dell'impianto per effettuare la prova di tenuta.
Ecco le varie fasi in cui viene svolta la prova:

  1. A valle di ogni rubinetto degli apparecchi e a monte del rubinetto del contatore devono essere posti dei tappi a garanzia della tenuta
  2. Si immette nell'impianto, attraverso la presa di pressione, aria o altro gas inerte, fino a raggiungere una pressione compresa tra i 100 mbar e 150 mbar
  3. Si attende almeno 15 minuti in modo che la pressione si stabilizzi e si effettua una prima lettura con un manometro ad acqua o simili, di sensibilità minima di 0,1 mbar (10 Pa)
  4. Dopo 15 minuti dalla prima lettura, si effettua una seconda lettura e si verifica se ci sono state delle cadute di pressione
  5. Qualora si verificassero delle perdite, queste devono essere eliminate, i componenti difettosi devono essere sostituiti e si deve ripetere la prova

Se non si verificano cadute di pressione la prova ha esito positivo.

La prova di tenuta può essere eseguita dall'installatore che deve compilare il modulo A/12 da rilasciare al cliente. Nel modulo l'installatore abilitato dichiara l'eventuale esito positivo della prova. In alcuni casi la prova può essere eseguita nuovamente dal tecnico del distributore in sede di attivazione del contatore.

  • Attestazione della tenuta dell'impianto di utenza gas
    (Allegato alle linee guida CIG n.12 ed febbraio 2015)
    Clicca qui per scaricare il modulo A/12

Commenti