Tu sei qui

Consumi stimati

Cosa sono i consumi stimati?

Sono i kWh di energia elettrica o gli Smc di gas che vengono stimati dal fornitore quando esso non ha accesso a informazioni precise relative ai consumi di luce e gas. Nel caso in cui il fornitore non possa rilevare i consumi e che il cliente non faccia l'autolettura fornitore deve fatturare i consumi basandosi su delle stime e non su dei dati certi (rilevati). In tal caso il fornitore fa una stima dei consumi basandosi sui consumi precedenti dell'utente e su altre variabili indicative dei consumi.

Come si calcolano i consumi stimati?

Ogni fornitore è tenuto a comunicare al cliente, nel caso in cui gli fosse richiesto, la procedura utilizzata per calcolare i consumi stimati e tutte le variabili di cui ha tenuto conto nell'operazione di stima. Alcuni esempi di variabili rilevanti utilizzate dai fornitori per stimare i consumi sono:
  • il luogo dell'abitazione; 
  • il numero dei componenti della famiglia; 
  • il tipo di elettrodomestici utilizzati; 
  • la frequenza dell'utilizzo degli elettrodomestici. 

Consigli utili

È altamente consigliato ad ogni utente domestico eseguire l'autolettura nel caso in cui tale operazione non possa essere eseguita dal fornitore. Infatti, per evitare errori di stima da parte dell'operatore, vi consigliamo di comunicare la lettura al vostro fornitore, il quale per legge è obbligato a fatturarvi i consumi da voi comunicati. Ricordate che è fondamentale inviare l'autolettura al vostro fornitore tramite lettera o e-mail, in modo tale che resti traccia della vostra richiesta di fatturazione tramite autolettura.

Commenti