Tu sei qui

Come cambia il prezzo del gas nelle zone tariffarie?

Cambia fornitore gas

010.848.01.61

L'Italia è stata divisa in 6 zone tariffarie per il gas metano. Le zone sono state stabilite in base alla distanza tra i punti di stoccaggio del gas e quelli di consumo, le utenze.

Il costo di distribuzione del gas viene destinato alle società che gestiscono la rete del metano ed è pagato indirettamente da ogni cliente nella bolletta del gas. Questa spesa varia in base alla zona geografica nella quale si trova la casa. Quanto si paga al metro cubo? In quale zona del gas si trova la mia utenza?


Cosa sono le zone tariffarie del gas?

zona tariffaria gas

In quale zona tariffaria del gas mi trovo?

Il prezzo del gas metano al metro cubo non è lo stesso in tutto il paese. Il territorio italiano è stato suddiviso in sei ambiti tariffari nei quali il prezzo del gas metano cambia.
A seconda della zona in cui si trova l'utenza viene applicato in bolletta del gas un corrispettivo leggermente diverso per alcuni oneri.

Le zone devono rispecchiare il costo aggiuntivo per trasportare il gas metano dai punti di stoccaggio fino alle utenze.
Per raggiungere una zona più lontana, come ad esempio le Regioni meridionali di Calabria e Sicilia, la spesa per il trasporto del gas sarà maggiore. L'onere applicato nella bolletta del Sud Italia infatti è piu alto rispetto alle altre zone.

Cosa non cambia nelle varie zone tariffarie?

La zona tariffaria non influisce sul prezzo della materia prima gas delle tariffe offerte dai fornitori.

Non trovi la Sardegna?
E' normale, la Sardegna non è collegata alla rete del gas metano! Per informazioni sul GPL, il combustibile alternativo al metano, chiama lo 011.196.201.84, o fatti richiamare gratuitamente.

Quale spesa cambia nelle zone tariffarie del gas?

Il prezzo finale del gas naturale che ognuno di noi paga in bolletta è formato da diverse componenti. Dal 2016 la denominazione delle voci è stata modificata con l'arrivo della bolletta 2.0.
Non tutte le voci di spesa cambiano in base alla zona tariffaria ma solamente alcune di queste.

  • Attualmente le voci che troviamo nella bolletta del gas sono:
  • Spesa per la materia gas naturale
    Ex servizi di vendita: per l'acquisto della materia prima e i costi di commercializzazione
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore
    Ex servizi di rete: per la distribuzione del gas
  • Spesa per gli oneri di sistema
    Prima all'interno dei servizi di rete
  • Imposte
    Accisa, addizionale regionale e IVA

Le voci che variano in base alla zona tariffaria sono la spesa per il trasporto e la gestione del contatore, le accise e l'addizionale regionale (in base alla Regione).

La prima di queste è infatti la componente che va a coprire il costo per trasportare e distribuire il gas metano, per lo più importato dall'estero, all'interno del nostro paese.
L'importo dell'onere per la distribuzione viene stabilito dall'Autorità annualmente. Ricordiamo che il fornitore non può cambiare il prezzo di questa tariffa decisa dall'Autorità.

Come cambiano le imposte sul gas in base alle zone?

Le imposte che variano in funzione della Regione di appartenenza sono le accise e l'addizionale regionale, mentre l'IVA naturalmente è invariata.
In realtà il regime per le accise è diverso per due macro zone italiane:

  • Centro Nord 
  • Sud (territori ex Cassa del Mezzogiorno - D.P.R. n.218/1978).

Per il Mezzogiorno era stata decisa una tassazione inferiore, dovuta alla volontà di incentivare la metanizzazione delle regioni del Sud. I territori del Mezzogiorno sono: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna; le province di Frosinone e Latina; alcuni comuni delle province di Roma, di Rieti e di Ascoli Piceno; l'isola d'Elba, l'isola del Giglio e Capraia.

Le accise regionali invece vengono applicate in tutte le Regioni, tranne che in Lombardia, Val d'Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia e Sicilia. In Abbruzzo e Liguria ci sono inoltre diverse aliquote in base alla zona climatica dell'utenza.

Come risparmiare sulla bolletta del gas metano?

Per risparmiare sulla bolletta del gas metano dovrai confrontare le offerte dei fornitori. Il prezzo del gas al metro cubo dipende dal tipo dell'offerta, se a prezzo fisso per un certo periodo di tempo oppure variabile in base ad un indice prestabilito.
Un'offerta con il prezzo bloccato ti garantisce una spesa certa nel futuro, se i consumi rimangono costanti e ti mette al riparo da eventuali aumenti del prezzo del gas.

...

La differenza di prezzo del gas secondo le zone tariffarie

Gli oneri per il trasporto che tutti i consumatori pagano nella bolletta del gas sono composti da:

  • un importo fisso
  • un importo variabile in base ai metri cubi consumati

Entrambi i contributi variano nelle diverse zone tariffarie. In particolare l'importo variabile dipende, oltre che dalle zone, anche dal consumo realizzato, nel senso che il costo unitario in euro al metro cubo è diverso secondo gli scaglioni di consumo.

Nella tabella sottostante è indicato solo il costo del trasporto, esclusi gli oneri di sistema. Nella prima colonna è indicato il costo fisso all'anno, ossia se i consumi sono nulli mentre nella seconda trovi la spesa per un consumo pari a 1000 Smc all'anno, tipico di una famiglia media che usa il gas anche per il riscaldamento degli ambienti.

I costi per il trasporto del gas metano nelle 6 zone tariffarie in Italia
Zona tariffaria Regioni Spesa per il trasporto
0 Smc/anno 1000 Smc/anno
Nord orientale Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria 58 €/anno 167 €/anno
Nord occidentale Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna 48 €/anno 138 €/anno
Centrale Toscana, Umbria, Marche 54 €/anno 170 €/anno
Centro-sud orientale Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata 49 €/anno 185 €/anno
Centro-sud occidentale Lazio, Campania 60 €/anno 217 €/anno
Meridionale Calabria, Sicilia 69 €/anno 269 €/anno

Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas - ottobre 2016

Assicurati di non pagare troppo in bolletta: falle fare un check-up!

...

Commenti