Tu sei qui

Il diritto di recesso

Che cos'è il diritto di recesso?

In qualsiasi momento se trovi un'offerta che ritieni più conveniente grazie al diritto di recesso puoi cancellare il tuo contratto e cambiare fornitore aderendo ad un nuovo contratto, rispettando il termine di preavviso che non può essere superiore a un mese. Questo periodo si conteggia dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il vecchio fornitore ha ricevuto la comunicazione scritta di recesso. Se questo accade, per esempio, il 4 gennaio, il mese decorre dal 1° febbraio.

Ovviamente puoi decidere se scegliere un nuovo fornitore oppure tornare al mercato tutelato con le condizioni imposte dall'Autorità!

E' ovviamente possibile recedere un contratto per disattivare una fornitura, nel caso di trasloco per esempio.

Se il contratto lo prevede, anche il fornitore ha il diritto di recedere il contratto, con una comunicazione scritta e con un preavviso di almeno 6 mesi, che decorrono dal primo giorno del mese successivo a quando il cliente riceve la comunicazione.

Modalità recesso per contratti conclusi via internet

Se la modalità usata è internet può essere consentita, se richiesta, la compilazione tramite web del modulo di recesso. Il fornitore, per la conferma della conclusione del contratto, deve rendere disponibile una copia del recesso precedentemente compilato dal cliente finale con file allegato, o tramite link.

Se stai cercando l'indirizzo oppure il numero del tuo fornitore, visita la nostra pagina dedicata ai contatti fornitori.

Commenti