Tu sei qui

Qual è la differenza tra valvole termostatiche e il termostato programmabile wireless?

Risparmia in bolletta

010.848.01.61

dubbio

Meglio le valvole o il termostato?

Negli ultimi tempi si parla molto di valvole termostatiche, poiché da gennaio 2017 per i condomini con il sistema centralizzato, la normativa ne impone l'obbligo di installazione su tutti i termosifoni.
Ma che differenza c'è tra il termostato, il cronotermostato e le valvole termostatiche?
Il principio fisico dietro il funzionamento di questi dispositivi che servono a regolare la temperatura è lo stesso, tuttavia ci sono delle caratteristiche distinte di questi sistemi.


La differenza tra valvole termostatiche e termostato

In genere il termostato, o cronotermostato, viene installato nelle case con il riscaldamento autonomo, quando abbiamo una caldaia individuale collegata solo ai nostri termosifoni. Al contrario le valvole sono idonee con il riscaldamento centralizzato. In quest'ultimo caso c'è un'unica caldaia che serve tutto il palazzo e i singoli appartamenti possono impostare la temperatura in ogni singolo ambiente indipendentemente dagli altri inquilini.
Per maggiori informazioni leggi il nostro articolo dedicato su tutto quello che c'è da sapere per risparmiare con le valvole termostatiche, che da gennaio 2017 saranno obbligatorie in tutti i condomini con il riscaldamento centralizzato. Le valvole vengono installate insieme ai contabilizzatori, che servono a misurare il calore e quindi il consumo realmente realizzato.

Le valvole termostatiche regolano il flusso di un singolo termosifone, permettendo di scegliere la temperatura in ogni stanza.

valvola termosifone

Valvola termostatica

Le valvole termostatiche hanno questo nome poiché al loro interno è presente un termostato. La differenza sostanziale è che il termostato generale di una casa comanda la caldaia, regolandone la temperatura e il consumo di gas, mentre la valvola regola solo la quantità di acqua che arriva al termosifone.

La valvola viene installata su tutti i termosifoni e a seconda della temperatura impostata con i livelli della manopola, apre o chiude il flusso di acqua calda proveniente dalla caldaia. L'installazione di un termostato in un appartamento di un palazzo con la caldaia centralizzata ha poco senso.

  • Le valvole termostatiche controllano il flusso di acqua di un termosifone, regolando la temperatura della stanza.
  • Il termostato comanda la caldaia in base alla temperatura rilevata nell'ambiente in cui si trova.

Assicurati di non pagare troppo in bolletta: falle fare un check-up!

...

Che cos'è e come funziona il termostato?

Il termostato è un dispositivo molto diffuso e presente in tanti elettrodomestici e in tutte le apparecchiature che devono regolare la temperatura: lo troviamo nel forno, nelle automobili, nel frigorifero e nella lavatrice...

Il principio fisico su cui si basa il funzionamento del termostato è la dilatazione termica di un liquido o di una lamina metallica.
Con l'aumentare del calore un metallo (o un liquido) si dilata, ossia si allunga quindi il sistema risulta sensibile alla temperatura. Quando viene raggiunto un limite di temperatura prefissato, il termostato accende oppure spegne il riscaldamento comunicando con la caldaia.
Nel mercato sono presenti diversi modelli di termostato, ognuno con caratteristiche e funzioni specifiche ed ovviamente un costo diverso. Il modello di termostato base a parete più economico ha un costo di circa 10 €, i modelli digitali partono da 20-30 € mentre il prezzo dei cronotermostati wireless va da 50 € fino a 90 € per i modelli più sofisticati.

termostato meccanico

Termostato meccanico

Il modello più semplice è il termostato meccanico, nell'immagine qui accanto, che consente solo una regolazione di tipo on-off. Un'altra tipologia è il termostato digitale, che permette di impostare ad esempio due livelli di temperatura (giorno e notte) oppure la funzione antigelo, per evitare rottura dei tubi negli ambienti freddi.
I termostati elettronici hanno un resistore e sfruttano la variazione di parametri elettrici con la temperatura, inviando poi il segnale all'impianto di riscaldamento.

Termostato e cronotermostato, cosa cambia?

I termostati più moderni sono i cronotermostati digitali, consentono anche di programmare la temperatura in funzione dell'ora della giornata e dei giorni della settimana. Questi modelli hanno più di un sensore, interno e esterno, si possono controllare anche con un telecomando e le funzionalità sono maggiori rispetto ad un dispositivo semplice: si può regolare anche l'umidità dell'ambiente ed il confort è assicurato.

termostato digitalecronotermostato touch screen

Termostato digitale e cronotermostato touch screen

Il termostato programmabile wireless per smartphone

Nella domotica il cronotermostato è d'obbligo. Una nuova generazione di termostati permette il loro controllo anche a distanza, con smartphone e tablet. Il termostato intelligente comunica attraverso la rete wifi e con un'applicazione fornita in dotazione: in questo modo gestisci il riscaldamento ovunque tu sia. Il prezzo di tali dispositivi è più alto, parte da 200 € fino a 400 €, ricordiamo che questa spesa è inclusa negli incentivi per la detrazione.
Questi modelli più recenti, avendo una migliore regolazione, sono più efficienti: è possibile un maggior controllo dei consumi e quindi un conseguente risparmio sulla bolletta del gas. 

E' meglio il termostato o il cronotermostato?Dipende... Se la routine è ripetitiva e regolare e ci si accontenta di modificare la temperatura manualmente il termostato è un buon dispositivo ad un costo veramente contenuto. Se invece le nostre abitudini cambiano spesso, vogliamo un maggiore confort o siamo appassionati di tecnologia, un cronotermostato più sofisticato touch screen è quello che fa per noi!

Abbiamo capito che il termostato regola la temperatura di tutta la casa poiché va posizionato in un ambiente (in genere nella stanza più fredda evitando fonti di calore dirette e correnti d'aria indesiderate). Questo è un limite poiché regola la temperatura minima di tutta l'abitazione ma non dei singoli ambienti. Teoricamente sarebbe possibile collocare più termostati ma il costo eccessivo dell'installazione in ogni camera viene giustificato solo in rare occasioni. Ad esempio le case molto grandi vengono divise in due zone (zona giorno e zona notte), con due distinti termostati.
Ecco qui che entrano in gioco le valvole termostatiche, che possono essere installate ad un costo decisamente ridotto in tutte le stanze, eventualmente anche in una casa con l'impianto autonomo.

...

Commenti