Tu sei qui

Canone Rai: come pagarlo in caso di contatore con una potenza da 4,5 KW?

A partire dal 2016 il canone Rai viene addebitato nella bolletta dell'energia elettrica, ma se hai un contatore con potenza pari a 4,5 kW è possibile che questo non avvenga, perchè viene inviato solamente a chi possiede una tariffa D2, cioè per clienti domestici residenti con potenza pari a 3 kW!

Info bolletta

010.848.01.61

Cos’è il Canone Rai?

Canone Rai nella bolletta della luce

Il canone televisivo, chiamato anche canone Rai, è un’imposta che sono chiamati a pagare tutti i cittadini italiani in possesso di un dispositivo televisivo. Il pagamento di questa imposta è regolato dalla legge del 4 giugno 1938, n.880, in relazione alla Disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni.

La grande novità del 2016 è stato l’inserimento del canone Rai direttamente nella bolletta dell’energia elettrica: i clienti residenziali sono considerati possessori di un apparecchio televisivo, per tanto l’intestatario della fattura dovrà pagare questa imposta sulla prima casa. Quest’anno quindi non arriverà più il famoso bollettino postale, tramite cui pagare il canone, ma a partire dal 1 luglio 2016, il canone verrà addebitato in bolletta.

Il prezzo del canone è sceso nell’ultimo anno e i cittadini italiani si troveranno ad affrontare una spesa di 100€, destinata ad abbassarsi di ulteriori 20€ nei prossimi anni. Per il 2016, è arrivata nella bolletta successiva al 1 luglio, un importo da pagare di 60€ e i successivi 40€ saranno suddivisi nelle bollette restanti. A partire dal 2017, invece, l’obiettivo è quello di suddividere il canone in 10 rate mensili, a partire dal mese di gennaio. E se la bolletta è bimestrale, cosa succede? In questo caso, verranno addebitati nella fattura 20€ ogni due mesi.

Chi deve pagare il canone Rai?

  • Sono obbligati a pagare il canone televisivo coloro che:
  • Sono intestatari di un contratto di energia elettrica nell’abitazione in cui risiedono e possiedono una televisione
  • Sono cittadini che risiedono all’estero, ma possiedono una casa in Italia (e dispositivi televisivi)

Non hai la televisione in casa?Se non possiedi un apparecchio televisivo nella tua abitazione, dovrai inviare una comunicazione all’Agenzia delle Entrate, certificando l’esoneità dal canone. Ricorda che l’autocertificazione deve essere inviata ogni anno!

Chi è esente al Canone?

  • Chi NON paga il Canone Rai?
  • Contribuenti che non dispongono di apparecchi televisivi
  • Over 75 che hanno un reddito inferiore a 8000 €
  • Ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno
  • Cittadini stranieri che lavorano presso le Forze Nato
  • Rivenditori e riparatori di televisioni
  • Agenti diplomatici e consiglieri di Stati che esonerano dal canone i colleghi italiani all'estero
  • Proprietari di imbarcazioni da diporto con a bordo dispositivi televisivi, sempre che non si tratti di attività commerciali

Cosa fare se hai un contatore da 4,5 kW?

Contatore con potenza 4,5 kW

Se hai un contatore con potenza superiore a quella standard, quindi 4,5 kW o maggiore probabilmente sarai esonerato dal pagamento del canone Rai in bolletta. Come mai?

Alcuni fornitori di energia elettrica infatti stanno pensando di non addebitare il canone televisivo nelle bollette dei clienti con contatori con potenza pari a 4,5 e 6 kW. Il motivo per cui questa imposta non viene addebitata nella fattura dell'energia elettrica è che i gestori inviano il pagamento del canone Rai solo a clienti domestici residenti, con un contatore di potenza inferiore o uguale a 3 kW (tariffa D2).Se l’imposta non dovesse essere addebitata in fattura, il canone dovrà comunque essere pagato, ma tramite bollettino agli uffici Postali, o presso un istituto bancario tramite il modello F24 (utilizzato da tutti i contribuenti per pagare le imposte). Se si deve rinnovare il canone, il codice di versamento sarà TVRI, mentre se si tratta di un nuovo abbonamento, il codice sarà il TVNA.

Dal 2016 il canone è addebitato sull’utenza elettrica di tipo domestico residenziale. In caso di mancato addebito, occorre verificare il tipo di contratto e controllare se il canone viene addebitato nella bolletta successiva. In caso contrario, l’importo dovuto deve essere versato entro il 31 ottobre 2016 utilizzando il modello F24. I codici tributo da inserire nel modello, utilizzabili a partire dal 1° settembre 2016, sono: “TVRI” (per rinnovo abbonamento); “TVNA” (per nuovo abbonamento)

Questo è ciò che spiega l’Agenzia delle Entrate

Hai mai pensato di ridurre la potenza del tuo contatore? Se il contatore di casa tua ha una potenza di molto superiore, rispetto a quanto tu abbia bisogno , forse è giunto il momento di diminuirla. Qui puoi trovare tutti i consigli di cui puoi avere bisogno per risparmiare sulla bolletta della luce.

Non ti è stato addebitato il canone in bolletta?

Se non ti è stato addebitato il canone Rai in bolletta, come prima cosa devi contattare il tuo fornitore e chiedere spiegazioni a riguardo:

  • Se il canone verrà addebitato nella bolletta successiva, il cliente avrà tempo per pagarlo entro la data espressa sulla fattura
  • Se, invece, il canone non sarà addebitato, questo dovrà essere pagato entro il 31 ottobre presso le Poste o un istituto bancario

Quindi se hai un contatore da 4,5 kW (o più potente) il canone televisivo non ti verrà addebitato, poichè apparterrai ad una tariffa D3.

Fai analizzare la tua bolletta!

...

Commenti