Tu sei qui

A che ora costa di più l'energia elettrica?

Risparmia in bolletta

010.848.01.61

energia

Come risparmiare sulla luce?

I consumi di energia elettrica non sono distribuiti in maniera uguale nell'arco della giornata e questi influiscono sul prezzo dell'energia. Questo infatti dipende da molti fattori e come ad esempio la domanda di energia. Il fabbisogno è più elevato durante il giorno mentre la notte e nei weekend, quando le attività economiche e produttive rallentano, è inferiore.
Nel mercato dell'energia ci sono diverse offerte che variano il prezzo durante le ore del giorno. Scegliendo una tariffa adatta alle tue abitudini potresti risparmiare sulla bolletta della luce: scopri come fare.


Perché il prezzo dell'energia cambia nelle diverse ore del giorno?

Come regola generale, che vale ad esempio per il petrolio, se la richiesta di un bene è elevata il suo prezzo aumenta e viceversa, quando la domanda è bassa, il prezzo sarà inferiore.
Per questo nei momenti in cui il fabbisogno di energia è alto, ossia durante il giorno, il prezzo è maggiore.

Nella borsa dell'energia elettrica, dove si forma il prezzo all'ingrossso, ossia di acquisto dell'energia, questo cambia per ogni ora del giorno in base all'incontro tra domanda e offerta.
Nell'immagine qui sotto viene mostrato il prezzo del PUN, in euro a chilowattora, di lunedì 17 ottobre 2016 (Fonte: dati Gestore Mercati Energetici, GME). Il PUN è il prezzo di riferimento dell'energia a livello nazionale, dal quale dipende il prezzo della luce offerto dai fornitori agli utenti finali.

prezzo energia giornaliero

Il prezzo dell'energia PUN cambia ogni ora

Il prezzo dell'energia è più alto quando è più difficile e costoso produrre energia mentre è inferiore nelle ore con maggior offerta e bassa richiesta. Nelle ore di picco ad esempio devono essere messe in funzione più centrali di generazione che fanno salire il prezzo dell'energia (impianti a gas o a ciclo combinato che hanno elevati costi di avvio).  

Come cambia il prezzo nelle fasce orarie F1, F2 e F3?

Naturalmente per semplicità il prezzo delle offerte proposte dai fornitori non cambia ogni ora del giorno come il PUN. Con lo scopo di favorire un consumo virtuoso da parte dei cittadini diversi anni fa l'Autorità ha stabilito tre fasce orarie: F1, F2 e F3 nelle quali il prezzo dell'energia è diverso. In realtà spesso per le offerte dedicate ai clienti domestici le fasce F2 e F3 sono accorpate insieme in un'unica fascia chiamata F23.

Le fasce sono così suddivise:

  • F1 8:00 - 19:00 dal lunedì al venerdì, festività nazionali escluse
  • F2 7:00 - 8:00 e 19:00 - 23:00 dal lunedì al venerdì e 7:00 - 23:00 il sabato, festività nazionali escluse
  • F3 00.00 - 7:00 e 23:00 - 24:00 dal lunedì al sabato, e tutte le ore della domenica e dei festivi

Il contatore elettronico della luce, oramai installato nella maggior parte delle case, è in grado di misurare i consumi di energia elettrica realizzati per ognuna delle 3 fasce orarie.
Il consumatore può scegliere se preferire una tariffa bioraria oppure monoraria. Nel primo caso il prezzo applicato in bolletta cambia nelle due fasce: F1 e F23 mentre il prezzo monorario è fisso 24 h su 24.

Inviaci gratuitamente la tua bolletta, un esperto valuterà quale tra la tariffa monoraria e bioraria fa al caso tuo!

...

Il prezzo della luce della tariffa bioraria è più elevato nella fascia F1, ossia durante le ore diurne, e diminuisce la sera, la notte e nel weekend (F23).

In realtà esistono delle tariffe triorarie, anche chiamate multiorarie, che cambiano il prezzo in tutte e tre le fasce. Questo tipo di offerte vengono proposte sia per le aziende che per le famiglie.
La scelta per il tipo di tariffa tra monoraria, bioraria e multioraria da adottare deve essere effettuata in base al profilo di consumo. Le abitudini di consumo possono essere molto diverse tra un utente finale e l'altro.

Come risparmiare con un'offerta bioraria? 

Qualora tu abbia scelto un'offerta con il prezzo della luce biorario dovresti cercare di concentrare i tuoi consumi elettrici dopo le 19 durante la settimana e nel weekend (sabato e domenica). La tariffa bioraria è perfetta per quelle famiglie dove i componenti sono lavoratori che nel corso della settimana escono la mattina e rientrano in casa nel pomeriggio.
Molti elettrodomestici moderni hanno la possibilità di essere programmati, così anche se non sei in casa puoi far avviare la lavatrice o lo scaldabagno ad una certa ora impostata.

Se invece hai aderito ad un'offerta monoraria il prezzo è uguale durante tutte le ore del giorno e non c'è bisogno di guardare l'orologio per accendere gli elettrodomestici.

Perché le rinnovabili hanno influito il prezzo orario dell'energia elettrica?

Per analizzare il prezzo orario dell'energia, oltre alla domanda, bisogna tenere in considerazione anche l'offerta. Quest'ultima a livello teorico dovrebbe seguire la domanda, nel senso che la produzione di energia viene regolata in base alla domanda del Paese in quel momento. Questo avviene poiché l'energia elettrica non può essere immagazzinata in grande quantità.

Lo sapevi che..Le rinnovabili, per via della loro intermittenza, hanno modificato il meccanismo della domanda e dell'offerta, riducendo le fluttuazioni orarie del prezzo dell'energia.

L'energia solare ad esempio viene prodotta solamente di giorno e le ore con maggior irradiazione corrispondono proprio ai momenti di maggior richiesta di elettricità.
Il fotovoltaico oggi immette nel mercato un'offerta abbondante di energia a basso costo. Questo ha decisamente limitato le fluttuazioni del prezzo dell'energia, facendo si che la differenza di prezzo tra fascia diurna e notturna sia ridotta di molto rispetto a qualche anno fa.

...

Commenti