Tu sei qui

L'energia eolica supera il carbone in Europa

carbone eolico

Una buona annata per le energie rinnovabili: nel 2016, per la prima volta nella storia, l'energia da eolico ha superato quella delle centrali a carbone.

L'eolico: la seconda fonte di energia europea

Il 2016 è stato l'anno della svolta per l'energia rinnovabile eolica. L'associazione WindEurope, che promuove l'eolico, ha pubblicato un rapporto secondo il quale la capacità produttiva dell'eolico ha superato quella delle centrali a carbone. La prima fonte di approvvigionamento energetico rimane il gas naturale, con una capacità totale di 186 GW, pari al 20,3% della richiesta.

Nel 2005 l'eolico era al 6% con solo 41 GW installati, mentre il carbone, molto più usato rispetto ad ora, risultava al primo posto. In Europa solamente l'anno scorso sono stati installati 12,5 GW di eolico. Le cose sono cambiate e la capacità energetica dell'eolico è salita fino a 153,7 GW.

In Italia sono installati 282 MW, una quota relativamente bassa, pari al 9% del totale.

Sicuramente buona parte del contributo per raggiungere questo risultato lo dobbiamo a Germania, Danimarca, Francia e Olanda. Questi sono i paesi che maggiormente hanno realizzato investimenti a favore della tecnologia eolica.

Scegli un'offerta verde

010.848.01.61

La capacità dell'eolico è grande ma il consumo rimane basso

elica eolico

Questi ottimi risultati parlano della capacità produttiva dell'energia eolica, ossia della potenza installata.
Tuttavia, poiché il rendimento delle centrali eoliche è inferiore rispetto alle centrali tradizionali, l'energia eolica rappresenta solo il 10,4% del totale dei consumi.
Il potenziale c'è quindi, ma bisogna anche considerare la naturale intermittenza di tale fonte di energia. E quindi a conti fatti, il carbone è ancora la fonte che soddisfa maggiormente il fabbisogno in Europa.

L’energia eolica è oggi parte integrante ed essenziale della fornitura di energia elettrica in Europa. È anche un settore maturo e significativo di per sé, che ha creato ad oggi 330.000 posti di lavoro e generato miliardi di euro di esportazioni europee.

Giles Dickson, CEO di WindEurope

La notizia fa comunque piacere, anche se sottolineiamo che la politica in materia di energia dovrebbe avere una strategia più ambiziosa e a lungo termine. La transizione ad un sistema low-carbon deve avere un percorso chiaro e definito e soprattutto deve essere sostenuta da investimenti.

...

Commenti